La disciplina del lavoro dei soggetti apicali d’Azienda

Casi pratici

La disciplina del lavoro dei soggetti apicali d’Azienda

di Paolo Patrizio

Il rapporto che lega le società e i soggetti che rivestono posizioni apicali è caratterizzato da una spiccata valenza multiforme, che può di fatto tradursi nella concretizzazione casistica di un classico rapporto di lavoro subordinato (di natura dirigenziale) ex art. 2094 c.c., piuttosto che in un precipuo rapporto di amministrazione, con la possibilità, peraltro, di cumulo di tali rapporti in capo al medesimo soggetto, pur determinando, ognuno di essi, l’insorgenza di specifici obblighi e peculiarità di ampia portata.

Configurabilità del centro unico di imputazione del rapporto di lavoro e tutela reintegratoria per insussistenza del fatto post vaglio di incostituzionalità

10 Novembre 2022 GIURISPRUDENZA COMMENTATA Licenziamento individuale

Configurabilità del centro unico di imputazione del rapporto di lavoro e tutela reintegratoria per insussistenza del fatto post vaglio di incostituzionalità

di Paolo Patrizio

Cass., sez. lav., ord.

La decisione in esame involge la tematica della configurabilità dell’esistenza di un unico centro di imputazione del rapporto di lavoro, in applicazione dei criteri rivelatori di una simulazione o una preordinazione in frode alla legge del frazionamento di un’unica attività fra vari soggetti, con chiosa attinente alla immediata applicabilità della disciplina derivante dalla sentenza della Corte Cost. n. 59/2021.

Licenziato chi non comunica lo svolgimento di altra attività in CIGS

L’obbligo di comunicazione preventiva per i lavoratori in CIGS sussiste anche se la nuova occupazione dà luogo ad un reddito compatibile con il godimento della CIGS. La norma si applica a qualunque attività potenzialmente remunerativa, pur se improduttiva di reddito e pur se l’INPS ne abbia avuto notizia aliunde.

di Paolo Patrizio – Avvocato cassazionista in Chieti

Obblighi di sorveglianza datoriali

La Cassazione, con la pronuncia n. 28946 del 5 ottobre 2022, torna sul tema degli obblighi di sorveglianza datoriali e sul rispetto delle misure di sicurezza c.d. “innominate” in caso di natura particolarmente gravosa delle mansioni svolte dal lavoratore.

di Paolo Patrizio – Avvocato cassazionista in Chieti

Trasferimento d’azienda: quali conseguenze sul rapporto di lavoro

Soltanto un legittimo trasferimento d’azienda comporta la continuità e l’unicità del rapporto di lavoro, tanto che, in caso di invalidazione della cessione, la sopravvivenza del rapporto lavorativo con il cedente resta insensibile alle vicende del distinto rapporto di fatto instaurato col cessionario.

di Paolo Patrizio – Avvocato cassazionista in Chieti

Le conseguenze dell’omesso versamento delle ritenute previdenziali

L’INPS, con il messaggio n. 3516 del 27 settembre 2022, torna a fornire indicazioni operative sulla notifica degli atti di accertamento della violazione ed emissione dell’ordinanza-ingiunzione, in merito alla depenalizzazione parziale del reato di omesso versamento delle ritenute previdenziali.

di Paolo Patrizio – Avvocato cassazionista in Chieti

Nel licenziamento disciplinare non rileva la disparità di trattamento

Qualora l’inadempimento del lavoratore licenziato sia tale da ledere irrimediabilmente il vincolo fiduciario, la differente valutazione disciplinare di analoga condotta di altro dipendente risulta non determinante, pur potendo essere valorizzata per verificare la proporzionalità della sanzione adottata.

di Paolo Patrizio – Avvocato cassazionista in Chieti

Somministrazione a termine anche nel pubblico impiego privatizzato

La Cassazione, con l’ordinanza n. 23374 del 26 luglio 2022, precisa che la somministrazione a tempo determinato è legittima anche nella pubblica amministrazione, quando non esclude la natura temporanea del lavoro tramite agenzia.

di Paolo Patrizio – Avvocato cassazionista in Chieti

Il rimborso spese di viaggio non costituisce retribuzione

La Cassazione ha chiarito che le somme corrisposte al prestatore a titolo di rimborso delle spese di viaggio, sostenute per lo svolgimento di incarico fuori dal comune di residenza, hanno funzione restitutoria e di ripristino del patrimonio e non sono assimilabili alla retribuzione, né assoggettabili ad imposta.

di Paolo Patrizio – Avvocato cassazionista in Chieti

Illegittimo il recesso dal contratto di agenzia per cessione di ramo d’azienda

Può ravvisarsi una giusta causa di recesso dell’agente solo qualora, in ipotesi di successione nei contratti, il cessionario non offra una sufficiente garanzia per l’adempimento delle obbligazioni derivanti dalla prosecuzione del rapporto, dovendosi escludere la natura personale del contratto.

di Paolo Patrizio – Avvocato cassazionista in Chieti